Ultime notizie e aggiornamenti
03/07/2017
Ridefinizione restauro e risanamento conservativo
Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale S.G. n. 144 del 23 giugno 2017, Supplemento Ordinario n. 31, la L. 21 giugno 2017 n. 96 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo.".

L'art. 65-bis di tale legge ridefinisce il restauro e risanamento conservativo modificando l'art. 3 lett. c) del D.P.R. 380/2001 nel modo seguente:

"interventi di restauro e di risanamento conservativo", gli interventi edilizi rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che, nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell'organismo stesso, ne consentano anche il mutamento delle destinazioni d'uso purché con tali elementi compatibili, nonché conformi a quelle previste dallo strumento urbanistico generale e dai relativi piani attuativi. Tali interventi comprendono il consolidamento, il ripristino e il rinnovo degli elementi costitutivi dell'edificio, l'inserimento degli elementi accessori e degli impianti richiesti dalle esigenze dell'uso, l'eliminazione degli elementi estranei all'organismo edilizio;

Testo di legge.